L'aeroplano, aeromobile o aereo (in forma abbreviata), è un mezzo di trasporto più pesante dell'aria capace di volare utilizzando una forza aerodinamica (detta portanza), generata grazie al moto relativo dell'aria lungo una superficie fissa (chiamata ala). Gli aeroplani sono dei velivoli che differiscono dagli alianti in quanto dotati di uno o più motori e per questo motivo rientrano nella più grande categoria delle aerodine a motore, a cui appartengono anche gli elicotteri e altri aeromobili, che però non hanno ali fisse. Il primo aeroplano propriamente detto vide la luce nel 1903, quando i fratelli statunitensi Wright riuscirono a far spiccare il volo ad una sorta di aliante dotato di un motore da sedici cavalli a Kill Devil Hill in Carolina del Nord. Questo primo volo durò 12 secondi, arrivando ad un'altezza di circa 120 piedi (40 metri), fu poco più che un balzo che probabilmente non superò l'effetto suolo; ma fu solamente con Alberto Santos-Dumont, considerato da molti il padre dell'aviazione, che vi fu il primo volo ufficialmente riconosciuto di un apparecchio più pesnate dell'aria in grado di decollare autonomamente, a differenza dei primi Wright catapultati. Inizialmente l'aereo fu considerato una semplice curiosità per appassionati, ma a poco a poco si iniziò a riconoscerne le capacità e nacquero i primi modelli capaci di prestazioni di volta in volta ritenute impossibili sino a poco tempo prima. Per questa ragione l'inizio dello sviluppo della tecnologia aeronautica è legato proprio ad eventi sportivi che miravano a segnare nuovi record; In questi primi anni gli aeroplani erano spinti da motori a pistoni collegati ad un'elica e la struttura era biplana, ovvero con due piani alari. L'avvio di uno sviluppo più scientifico avvenne in concomitanza con la prima guerra mondiale quando nacquero modelli di biplani da ricognizione, da caccia e da bombardamento utilizzati in maniera intensiva nella seconda guerra mondiale. Solo a partire dagli anni cinquanta c'è l'affermazione di una visione dell'aereo come mezzo di trasporto civile, sia di persone che di mezzi, che ad oggi predomina in modo indiscusso il campo dell'aereonautica. Gli aerei sono quindi divisi principalmente in due categorie: militari e civili, che si dividono in aerei di linea, aerei per trasporto merci, jet executive, aerei da turismo. Contemporaneamente allo sviluppo dell'uso civile, infine, nasce negli anni sessanta la cosiddetta aviazione sportiva.

Contatore visite [dal 22/04/2009]